ASCOLI PICENO- ” E’ stato un periodo intenso, che però non per questo ci permette adesso di riposare sugli allori”. Così il Presidente della Camera di Commercio Gino Sabatini ha definito i primi 10 mesi alla guida dell’ente camerale, di cui ha fatto un consuntivo nella conferenza stampa che si è svolta venerdì 7 agosto presso la Sala Giunta dell’ente.

Dopo l’elezione del Presidente , alla fine di settembre dello scorso anno e subito dopo l’insediamento del nuovo Consiglio e la nomina della Giunta il 15 ottobre 2014, la Camera di Commercio di Ascoli Piceno ha immediatamente avviato un programma di seminari rivolti alle aziende picene denominato “Innovation Manager 2.0” che, da ottobre a dicembre, ha trattato tematiche come le strategie competitive, il digital marketing, la difesa dell’innovazione, la creatività e i “soft skills”.

La formazione è stata, quest’anno, un settore in costante evoluzione, perché formazione vuol anche dire informazione: sono stati organizzati convegni molto operativi sulla Fatturazione Elettronica, le Tecnologie Smart, le modifiche normative sulle borse biodegradabili, il Nuovo Codice degli Appalti, è stato redatto un utile vademecum per la compravendita di immobili, il Listino Immobili del secondo semestre 2014.

Nell’ incontro “Crowdfunding e microcredito”, l’azienda speciale della Camera di Commercio, Piceno Promozione, ha iniziato un percorso che intende creare una rete locale di esperti in materia di microcredito e crowdfunding, mediante convenzioni che permettano l’erogazione di servizi di assistenza tecnica e orientamento alle imprese e start-up.
A novembre, partiva anche il progetto “Made in Italy. Eccellenze in Digitale” che da gennaio a marzo ha coinvolto preliminarmente “144 realtà tra imprese e associazioni di categoria e attivamente 42, ottenendo ottimi risultati, portandole sul web e spiegando loro come muoversi su Internet e come lavorare proficuamente con i Social Network.”

Informazione è anche sinonimo di Punto di Accesso presso il Tribunale di Ascoli Piceno, un nuovo strumento attivato dalla Camera di Commercio, previsto da un decreto ministeriale del 2011, grazie al quale le aziende potranno accedere alle informazioni relative ai giudizi in materia di diritto del lavoro, pendenti dinanzi a Tribunali e Corti di Appello, alle procedure esecutive pendenti dinanzi ai Tribunali, ai procedimenti di volontaria giurisdizione instaurati dall’impresa e alle informazioni relative alle cause civili pendenti dinanzi a Tribunali e Corti di Appello.

Se la conoscenza è uno strumento importante per la crescita culturale dell’imprenditoria, altrettanto basilare è avere fondi a disposizione per potersi sviluppare: sensibile alle problematiche territoriali e ad esse tangibilmente vicina nella riunione del Consiglio camerale che, nel dicembre 2014, si svolse per la prima volta in un opificio industriale, in quell’occasione la Camera di Commercio decise di mettere a disposizione la somma di 1.150.000 Euro per il rilancio dell’economia del Piceno, da destinare allo sviluppo e alla promozione.

Non si trattava della prima azione concreta sotto il profilo economico: pochi giorni prima erano infatti scaduti due bandi molto significativi, il primo per l’erogazione di contributi “per la partecipazione a manifestazioni fieristiche nazionali ed internazionali”, riproposto poi nel 2015, il secondo sui “contributi per l’attivazione di un servizio di connettività a Banda larga”.

In successione, va ricordato per la sua importanza e per la capacità di mettere in connessione il mondo aziendale e quello bancario il Bando Investimenti 2015, con uno stanziamento complessivo di 50.000,00 euro a cui sono state ammesse le domande delle imprese picene per finanziamenti bancari, finalizzati a sostenere specifici progetti elencati nel bando, già approvati dagli istituti bancari.

A sostegno di uno dei simboli enogastronomici del Piceno, l’Ascolana Tenera, e del suo impianto è stato previsto uno stanziamento complessivo di 35.000,00 euro. Recentemente, contributi sono stati dedicati anche alla costituzione di Reti d’Impresa e all’autoimprenditorialità e all’imprenditoria giovanile, in questo caso sostenendo la Business Plan Competition e il progetto “Promozione dell’imprenditoria giovanile e dell’autoimprenditorialità nel Piceno” coordinato dal professor Roberto Ballini dell’Università di Camerino e fortemente voluto dal Rettore dell’ateneo camerte Flavio Corradini.

Conoscenza e risorse possono contribuire alla rinascita del Piceno, se il tessuto sociale continua a mantenersi sano, come è tradizione in provincia di Ascoli Piceno: sotto questo profilo, è stato fondamentale rinnovare la convenzione dello “SPORTELLO LEGALITA’ – Punto di ascolto SOS Giustizia”: la Camera di Commercio e l’Associazione Libera, infatti, si sono impegnate a dare continuità anche per l’anno 2015, all’azione del servizio di ascolto e di assistenza agli imprenditori e commercianti in difficoltà economica, avviato nel 2014, per continuare ad offrire un sostegno concreto agli imprenditori e commercianti vittime di intimidazione ambientale, estorsione, usura, ovvero a rischio di condizionamento da parte della criminalità organizzata.

L’internazionalizzazione, in sinergia con l’azienda speciale Piceno Promozione ed il suo Presidente Rolando Rosetti, in un solo anno ha portato a stringere accordi con la Camera di Commercio del Camerun, effettuare una missione strategica a Tèboulba, in Tunisia, partecipare al Salon Halieutis di Agadir (alla presenza del Console Generale Italiano in Tunisia) stringendo un accordo di partenariato con il Presidente del Polo della Competitività per la Pesca e l’Industria della trasformazione della Regione del Marocco Souss Massa Draa.

E’ stata organizzata una Country Presentation per l’Albania e sono state individuate ben due sedi di rappresentanza basilari per il futuro delle aziende picene: una a Mohammedia, in Marocco, ed una in Congo, a Pointe-Noire, all’interno dei locali della Camera di Commercio Congolese: una delegazione camerale ha partecipato, con successo, al “Second Home International” uno dei più importanti saloni immobiliari d’Europa, che ogni anno si svolge (a turno) in Olanda, Belgio e Germania.

E’ arrivato brillantemente a conclusione anche il progetto “RETI D’IMPRESA” con la sigla, a fine dicembre, dei due contratti di rete dei settori tessile e nautica: “RETE INTEGRATED TEXTILE SERVICE” e “RETE NAUTICA INTEGRATA“: nell’ambito dell’accordo di programma tra il Ministero dello Sviluppo Economico e l’Unioncamere, la Camera di Commercio di Ascoli Piceno, attraverso Piceno Promozione, ha così attivato un percorso che, partendo da un’analisi del contesto economico, e passando per l’individuazione dei possibili ambiti/filiere e la realizzazione di focus group con le aziende, ha portato alla concreta attivazione di ben due contratti di rete.

“In maniera eufemistica”ha dichiarato il Presidente della Camera di Commercio Gino Sabatini –potremmo definire quest’anno “un periodo intenso”, che però non per questo ci permette di riposare sugli allori ma va considerato un punto di partenza. Abbiamo accordi da definire, accordi da avviare, bandi da realizzare e, soprattutto, persone da ascoltare: perché vogliamo che la Camera di Commercio sia sempre più un catalizzatore di richieste, esigenze, idee, necessità. Serve a noi, per pensare ad iniziative realmente utili, serve alle istituzioni che sempre più troveranno nella Camera di Commercio di Ascoli Piceno un interlocutore informato sulla situazione in provincia e pronto a lavorare per il futuro del nostro territorio.”

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 191 volte, 1 oggi)