ASCOLI PICENO – Nella splendida cornice di Villa Vitali a Fermo si svolgerà il prossimo 22 agosto una serata dedicata alla commedia dialettale napoletana con la Compagnia teatrale O’scenici di San Benedetto del Tronto.

Marco Trionfante, attore, regista, sceneggiatore, della compagnia intratterrà il pubblico con una commedia in due atti ispirata da uno dei massimi rappresentanti del teatro dialettale napoletano Eduardo De Filippo, “Natale a casa Cupiello” la più nota commedia umoristica dei tre fratelli De Filippo (famosissimo Peppino De Filippo protagonista di numerosi film della commedia all’italiana a fianco del grande Totò), figlio non riconosciuto (De Filippo è il cognome della madre) di Eduardo Scarpetta, celeberrimo il film tratto dalla sua commedia “Miseria e Nobiltà”.

“Napul’è…teatro e musica” porta in scena uno spaccato di cultura napoletana intrisa di credenze e comportamenti esasperati con grande ironia, come è consuetudine nel teatro dialettale moderno creato da Eduardo Scarpetta.
La realtà buffa e graffiante della Napoli popolare invade la scena con un primo atto ispirato all’opera di Eduardo De Filippo “Pericolosamente”. Affiorano i temi più rappresentativi della tradizione partenopea, l’esuberante personalità della donna, l’orgoglio maschile e la generosità e calore dell’ospitalità il tutto condito con una saporita e delicata nota di misticismo grottesco.
Dagli albori del teatro popolare, l’introduzione del dialetto nei dialoghi delle commedie goldoniane hanno enfatizzato la struttura realistica della rappresentazione travalicando la condizione di povertà, trasmettendo la solarità e goliardia del popolo napoletano.
E proprio su questi ultimi aspetti si apre il secondo atto con “la sceneggiata”, una rappresentazione teatrale in cui i dialoghi dialettali sono inframmezzati dal canto.

Briosa e amara, la sceneggiata racconta la passione del napoletano che regola la quotidianità, a volte drammatica, ma che, per sua stessa indole, riesce a colorire di sfumature leggere e ridicole portando il sorriso nello spettatore.
Questo genere implica una trama a tre: esso, issa e o’malamente, dai quali si estrinseca una storia di amore, tradimento e retaggi di una mentalità basata sull’onore e rispetto tipico della società meridionale.
Il canto napoletano, accorato e sentimentale dà forza e vigore e completa la mimesi che penetra lo spettatore e lo porta a gioire e soffrire in simbiosi con l’attore.
La capacità drammaturgica e l’origine napoletana portano il regista Marco Trionfante a realizzare opere fedeli ai canoni del teatro dialettale moderno esaltando l’allegria partenopea che si traduce in dialoghi freschi ed estremamente ilari.

L’arena di Villa Vitali (FM) che ospiterà “Napul’è…teatro e musica”, costruita all’interno del suo parco, offre una vista panoramica sull’architettura naturale delle colline marchigiane adagiate sui lembi del vicino mare Adriatico. La Villa ottocentesca si sviluppa su tre livelli e ospita al suo interno i musei scientifici: museo polare etnografico, museo ornitologico, museo della pipa, museo di apparecchi fotografici.

“Napul’è…teatro e musica” – Villa Vitali (Fermo) – sabato 22 agosto 2015 ore 21.15 ingresso € 7,00

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 180 volte, 1 oggi)