ASCOLI PICENO –  In questi tempi di continua crisi economica e dei consumi, arriva  una buona notizia dalla Regione Marche la quale, secondo quanto già previsto dal vigente Testo Unico sul Commercio,  ha diramato il nuovo Bando 2015, inerente ai criteri ed alle modalità per accedere ai contributi riservati alle imprese commerciali e di pubblico esercizio. Ne da notizia la Confcommercio, aggiungendo che sono previsti Contributi a Fondo Perduto alle Piccole e Medie Imprese Commerciali, del commercio al dettaglio e della somministrazione di alimenti e bevande, con alcune priorità (nuove attività iniziate dopo il 1° gennaio 2014; quelle i cui titolari  abbiano un’età compresa tra i 18 e i 35 anni; quelle ubicate nei Centri Storici ed altre ancora), per interventi relativi alla ristrutturazione e manutenzione straordinaria, all’ampliamento dei locali, all’acquisto delle attrezzature fisse e mobili e degli arredi attinenti l’attività.

Il contributo Regionale, concesso in Conto Capitale (cioè a Fondo Perduto) è pari al 15% della spesa riconosciuta ammissibile, che non può essere inferiore ad euro 15.000,00, per un importo massimo finanziabile di 80.000,00 euro. Tutti i progetti ammessi a contributo dovranno essere ultimati entro sei mesi, dalla data di pubblicazione  della graduatoria, ma sono concessi finanziamenti anche per progetti già realizzati, a far data dal 1° Gennaio 2014. Le domande (in bollo) dovranno essere inoltrate in formato PDF esclusivamente tramite PEC (posta elettronica certificata) all’indirizzo regione.marche.funzionectc@emarche.it entro Mercoledì 30 Settembre e poiché a parità di punteggio le domande saranno valutate con alcune priorità, tra cui l’ordine cronologico di trasmissione della PEC è opportuno che gli interessati aventi titolo, si attivino con tempestività considerando anche che la copertura finanziaria del bando stesso per l’intera Regione Marche è pari a 466.632,02 euro.

“Il nuovo bando regionale per il commercio rappresenta evidentemente una eccellente opportunità che le imprese commerciali di Ascoli e del Piceno tutto non dovrebbero lasciarsi sfuggire – sottolinea il direttore Confcommercio Giorgio Fiori – poiché per crescere ed essere al passo con i tempi, in un mercato sempre più difficile, è necessario investire, pur se gli attuali tempi di crisi  consiglierebbero tutt’altro”. Per chiarimenti e predisposizione delle domande, ci si può rivolgere al Servizio Credito (Ascomfidi) della Confcommercio (0736.258461).

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 301 volte, 1 oggi)