ASCOLI PICENO –  Il mister del Cesena Drago analizza il match:“Sono contento perchè siamo usciti alla grande nei momenti di difficoltà, poi nel secondo tempo abbiamo avuto il predominio nel possesso palla. Il primo gol non l’ho visto, ma sapevamo anche che dovevamo mantenere la partita in equilibrio sapevamo che avrebbe pagato dazio l’Ascoli durante la gara perchè hanno giocato martedì e sono partiti in ritardo con la preparazione. Abbiamo lavorato bene con li esterni soprattutto con Ragusa. ”

Anche Petagna, che ha siglato il gol nel finale analizza la partita: “Penso che abbiamo fatto un buon primo tempo da squadra vera, poi ci siamo allungati troppo e loro sono stati bravi a colpire, son contento per il gol ma mi dispiace molto per la sconfitta, ringrazio Berrettoni che ha calciato una bellissima punizione, ci rifaremo martedì a Latina, il gol lo dedico alla mia famiglia, al mio procuratore e alla società. Nel primo tempo li abbiamo messi molto in difficoltà poi ci siamo abbassati troppo al di là del gol che non c’era ma il campionato è lungo. Nel secondo tempo siamo andati troppo in avanti e ci siamo sbilanciati.”

“I tifosi sono sempre tantissimi e si fa meno fatica con questi tifosi perchè ci supportano fino alla fine, e dobbiamo metterci ancora più voglia per ripagare il loro sostegno”

Mister Petrone:”Bene fino al primo episodio del gol, un Ascoli che ha giocato a viso aperto e ha ribattuto colpo sul colpo al Cesena, abbiamo avuto ottime palle gol e per noi è importante, rispetto agli altri siamo indietro dal punto di vista atletico, sbagliato concedere campo a 25 minuti dalla fine, si vede la mancanza di lavoro durante la settimana, quando poi succedono questi episodi non ci possiamo fermare ma dobbiamo continuare a lavorare. Dobbiamo lavorare anche sull’aspetto psicologico dobbiamo metterlo in preventivo e non valuto la terna arbitrale ma siamo arrabiati al punto giusto per andare a fare bene a Latina. ”

“Cacia – Petagna? Andrea sta alvorando bene, Perez è più esperto ma oggi sapevamo che dovevamo dare anche continuità non è facile preparare una partita in due giorni, dobbiamo lavorare e avere il tempo materiale per trovarci. Lo spirito è quello giusto. Dobbiamo ripartire da qui.Bellomo sta facendo un lavoro differenziato e dobbiamo vedere cosa riesce a fare nella quotidianità e cosi anche per Perez”

 

 

 

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 360 volte, 1 oggi)