ASCOLI PICENO – Più che positiva la presenza della Rete di Imprese del “Travertino Piceno” al Marmomacc di Verona, una delle fiere internazionali di settore più prestigiose giunta alla sua cinquantesima edizione. Come sostiene la Camera di Commercio, alla Rete “è bastato un giorno per far capire quanto peculiari e preziose siano le caratteristiche del nostro travertino“.

Il progetto, nato dal sostegno della Camera di Commercio di Ascoli Piceno, della sua azienda speciale Piceno Promozione e del Bacino Imbrifero del Tronto, ha permesso alla Rete, che raccoglie dieci aziende di cui quattro cave e sei laboratori, di vivere un’esperienza più che positiva al Marmomacc. “Grazie anche alla creazione dei marchi “Travertino Piceno Cava” e “Travertino Piceno Laboratori” – dice Andrea Cavucci, responsabile tecnico della Rete di Imprese – stiamo avendo un buon successo qui a Verona come a livello internazionale, grazie ai brand che danno ai nostri interlocutori una garanzia di provenienza e qualità del travertino“.
Il travertino piceno ha una sua collocazione ben precisa tra i materiali più pregiati al Mondo: la pietra ascolana, ad esempio, è ben presente a Dubai, dove è stata utilizzata per i rivestimenti della Torre e di altri edifici molto importanti dell’Emirato.

Il motivo, ricorda Andrea Cavucci, è duplice: un aspetto visivo dal fondo spiccatamente chiaro con scriature nocciola e nocciola-beige  ed una resistenza notevolmente superiore alla media sia alle alte che alle basse temperature.

La Camera di Commercio di Ascoli Piceno è presente, insieme alla Rete d’Imprese, al Marmomacc con il Presidente Gino Sabatini, il vicepresidente, Giancarlo Romanucci, Dino Recchi in assistenza alle imprese picene, il Presidente dell’Azienda Speciale della Camera di Commercio di Ascoli Piceno, Rolando Rosetti ed il vicepresidente di Piceno Promozione Ivo Guaiani.

La Camera di Commercio di Ascoli Piceno sostiene e promuove laa Rete d’Imprese del Travertino Piceno – ha ricordato il Presidente della Camera di Commercio di Ascoli Piceno Gino Sabatini – perché crede fermamente nell’eccellente qualità del travertino, unico nel suo genere e nelle reti d’impresa come forma di unione volta a sviluppare potenzialità che le singole imprese non potrebbero far crescere. Il successo della Rete al Marmomacc ne è un evidente esempio.

Più di 350 contatti utili sono stati acquisiti presso lo stand della Rete, in due soli giorni: inviati da Israele, dalla Spagna e da mercati in grande espansione come gli Stati Uniti, la Russia, il Canada e l’Australia, senza dimenticare l’Africa e il Medio Oriente.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 224 volte, 1 oggi)