ASCOLI PICENO – brillante, vivace, divertente e surreale, ecco come vuole che sia, il Maestro Ada Gentile, il nuovo modo di approccio alla musica classica estremamente contemporanea. E la capacità di Ada, direttore artistico del 36° Festival di Musica Contemporanea “Nuovi Spazi Musicali” risiede proprio nella lungimiranza, nel saper selezionare nel panorama dei musicisti classici l’avanguardia di compositori dallo spiccato senso innovativo. Una serie di concerti nei quali strumenti tradizionali produrranno suoni nuovi, melodie raffinate, vivaci squarci musicali che, al teatro Ventidio Basso, si apriranno venerdì 9 ottobre 2015 alle ore 20.30 con il melologo comico basato sul romanzo “Stranalandia” di Stefano Benni.

Un’operina buffa di prosa e musica che riprende alcuni personaggi surreali di “Stranalandia” interpretati in musica su partiture scritte da Ada Gentile, Fausto Sebastiani, Alessandro Sbordoni, Riccardo Piacentini, Stefano Cucci e Carla Rebora. Il parlato spetterà ad Andrea Roncato, attore del piccolo e grande schermo.

Il Festival proseguirà con l’appuntamento di martedì 13 ottobre 2015 con una serata di musiche inedite scritte da Rossella Spinosa e Alessandro Calcagnile che accompagneranno la proiezione del film muto “The Lodger” di Alfred Hitchock. Un omaggio al cinema muto che quest’anno ricorre il 120° anniversario con l’abbinamento di due musicisti che dalla loro formazione tradizionale ricavano melodie contemporanee che ben si accostano al cinema e al teatro. Lo spettacolo sarà presentato dal giornalista Filippo Ferretti.

Venerdì 16 ottobre 2015, alle ore 20.30, musica e arte si incontreranno nel Foyer del Ventidio con una prima parte suonata da Leila Shirvani, talentuosa giovane violoncellista e Marco Grisanti affermato pianista. Le loro interpretazioni moderne di alcune parti di brani di Nicolò Paganini e Gioachino Rossini faranno da preludio alla seconda parte del concerto in cui si potranno ascoltare alcune canzoni dei Beatles rivisitate in chiave moderna dai compositori: Beatrice Campodonico, Paolo Marchettini, Francesco Maggio, Gunay Mirzayeva e Sebastian Elikoswski.
I Beatles hanno caratterizzato l’epoca del nascente fenomeno del consumismo, del benessere diffuso, dell’omologazione, della lotta giovanile, temi argutamente affrontati dall’artista Andy Warhol fondatore della Pop Art. Il Professore Stefano Papetti presenterà un’opera di questa corrente artistica.

Lunedì 19 ottobre 2015, alle ore 20.30 nel Foyer del teatro, si terrà il concerto conclusivo del festival con la musica di Vladimir Grigolic, talento serbo che proporrà accanto a pezzi più tradizionali, musiche inedite di compositori contemporanei serbi.

Apprezzamento unanime è stato espresso dal sindaco Guido Castelli, dall’assessore alla cultura Giorgia Latini e dal vice sindaco Donatella Ferretti che ha evidenziato la cura e l’attenzione del Maestro Gentile nella redazione di un programma musicale di così ampio respiro che vede la partecipazione anche di giovani valenti ascolani provenienti dal rinomato Istituto musicale Spontini.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 107 volte, 1 oggi)