ASCOLI PICENO – Nuovi attacchi alle greggi nell’Ascolano, con diverse pecore uccise, mentre un lupo è stato trovato morto nella mattina del 12 ottobre lungo la strada Statale, probabilmente investito da un mezzo pesante. A darne notizia è la Coldiretti Ascoli Fermo dopo la segnalazione di Michele Basocu, allevatore di Force.

E’ stato lui a trovare il lupo a poche centinaia di metri da casa, chiamando subito i carabinieri della vicina stazione. “Un esemplare di una cinquantina di chili secondo quanto confermato dai militari, che deve essere stato evidentemente travolto da un camion  – spiega l’imprenditore agricolo – Di certo non mi ha sorpreso il fatto di trovarlo così vicino a casa, considerato che nel giro di una settimana mi sono sparite undici pecore e che pochi giorni ho avvistato un gruppo di cinque lupi qui in azienda”.

Gli attacchi sono giunti dopo l’episodio avvenuto ad Amandola circa una settimana fa con le aziende sempre più esasperate, anche per i ritardi del pagamento dei danni, tanto che lo stesso Basocu sta ancora aspettando gli indennizzi del 2013. “Ciò che sta accadendo nelle nostre campagne è inaccettabile poiché non solo le nostre aziende sono in balia degli animali selvatici, ma non hanno alcuna certezza sui risarcimenti – denuncia Paolo Mazzoni, presidente di Coldiretti Ascoli Fermo – Occorre un impegno forte da parte delle autorità per prevenire i danni, ma occorre anche rivedere il meccanismo degli stessi indennizzi, poiché non è possibile che le imprese continuino a vedersi pagare non più della metà del danno effettivo, e senza considerare la perdita delle quote di mercato, i costi di smaltimento delle carcasse e tutte le altre conseguenze che non vengono riconosciute”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 331 volte, 1 oggi)