ASCOLI PICENO – Palazzo dei Capitani ospiterà la personale di Teodosio Campanelli “Oltre ed altro”, dal 21 al 28 ottobre, una serie di dipinti e sculture che indagano sull’animo umano in rapporto con l’universo.

L’artista di San Benedetto del Tronto, ha nel suo storico, una importante esperienza di viaggi, dal Centro America alle montagne del Nepal, in Pakistan, Malesia e India ritornando in patria arricchito nello spirito e cambiato nella sua filosofia di vita. Tutto ciò lo traduce in opere pittoriche essenziali in cui i colori rivelano le emozioni. I suoi pregevoli lavori scultorei, spesso di grandi dimensioni, affermano il pensiero di esplorazione interiore nella maestosità del Cosmo.

In oltre vent’anni di lavoro, Campanelli ha esposto in prestigiosi siti culturali, allo Jacob Center di New York, al museo nazionale di Stoccolma e di Budapest, all’ambasciata Egiziana a Roma, all’Università Politecnica di Ancona e alla Permanente di Milano.
Sono diverse le opere installate a San Benedetto del Tronto: nella piazza San Filippo Neri si trova la sua “Gerusalemme Celeste”, un monumento ispirato al capitolo 21 dell’Apocalisse e il giardino multisensoriale realizzato sul lungomare rivierasco. Il suo lavoro più recente è il monumento ai piloti caduti nei cieli ascolani commissionato dall’Aereonautica Militare.

Una giornata significativa sarà il 25 ottobre durante la quale l’artista esporrà in Piazza del Popolo l’opera “L’Albero della vita”.
Realizzata nel 2014 in occasione dell’evento “Celebrare la Vita quale valore assoluto” presso il Complesso Monumentale di San Salvatore in Lauro ed esposta nel centro romano nelle vicinanze di di Piazza Navona, la struttura, raffigurante la stilizzazione di un albero realizzato in ferro e alto sei metri, sarà collocata in centro la piazza e vi rimarrà fino al 1 novembre.

La mostra all’interno di Palazzo dei Capitani in Piazza del Popolo sarà visitabile tutti i giorni dalle 10.00 alle 12.00 e dalle 16.00 alle 20.00. Ingresso libero

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 298 volte, 1 oggi)