ASCOLI PICENO – Al Del Duca arriva la capolista Crotone, ma nella prima frazione il pallino del gioco è nelle mani dei bianconeri poco incisivi però quando si tratta di finalizzare. Bellomo dal primo minuto dimostra di essere un giocatore di categoria superiore, affiancato da Giorgi sempre il più coraggioso in campo e da Jankto oggi non in splendida forma.

In avanti Cacia e Perez non sono incisivi mentre Grassi è troppo lento quando si tratta di concludere, nella retroguardia Antonini e Almici non spingono come sempre sulle fasce mentre al  centro Milanovic e Cinaglia riescono a murare alcune pericolose conclusioni di Torromino. Un Crotone che gioca sulle ripartenze, cercando di cogliere di sorpresa la retroguardia bianconera. Budimir il migliore in campo è il finalizzatore di ogni azione crotonese, dopo una traversa e qualche tiro finito di poco a lato arriva il rigore generoso concesso dall’arbitro, Budimir leggermente trattenuto si lascia cadere in area, tiro dello stesso Budimir imparabile sotto la traversa.

Nella seconda frazione il gioco è troppo nervoso da entrambe le parti, i contropiedi del Crotone sono micidiali, ma la squadra di Juric non riesce a trovare la via del gol, i bianconeri arrivano in area solo nel finale quando Grassi colpisce il palo.

Sicuramente da rivedere l’impostazione tattica e soprattuto la fase di attacco dove nessuno è incisivo.

Il Patron dell’Ascoli Francesco Bellini ai microfoni a fine partita commenta cosi:” Sono amareggiato ma lo ero di più la settimana passata, perdere sempre per i rigori non si può, gli arbitri devono essere coerenti il Crotone comunque è una squadra forte, partita brutta. Troppo nervosi. L’arbitro positivo o negativo che sia c’è comunque in questo momento è così e speriamo che nella prossima partita non vada così. Ogni partita ha la sua storia, non direi che l’Ascoli non ha un gioco, il fattore principale è stato l’arbitro, oggi hanno vinto loro.”

Un Ascoli però poco coraggioso:”Possiamo fare molto meglio abbiamo perso molti punti per stupidaggini, oggi non abbiamo giocato bene. Senza il solito entusiasmo, solo nel finale abbiamo cercato di dare tutto. Siamo all’inizio e c’è ancora molta strada da macinare dobbiamo stare calmi questa è la serie B, forse c’è troppa pressione, devo fare la mia analisi e capire cosa penso. I nostri giocatori hanno troppa pressione, dovrebbero giocare in scioltezza. Speriamo di rifarci con l’Avellino.”

 

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 296 volte, 1 oggi)