ASCOLI PICENO – Il Tribunale di Ascoli Piceno ha emesso il  6 novembre la misura di prevenzione della sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno per un anno nei confronti di A.P., 52enne pluripregiudicato, già gravato da provvedimenti di avviso orale emessi dalla Divisione Anticrimine negli anni 2004 e 2010.

L’uomo, di Ascoli Piceno, già resosi protagonista di episodi di violenza ed aggressioni nel centro storico in stato di alterazione per l’assunzione di alcool, recentemente, dopo aver ottenuto la concessione temporanea di un alloggio Erap nella frazione di Castel Trosino, aveva iniziato a molestare le coinquiline costrette a presentare esposti e denunce. Nel mese di luglio, in occasione di un ennesimo intervento della Polizia di Stato a richiesta delle stesse donne per le reiterate minacce subite, il sorvegliato speciale aveva tentato di colpire con una piccozza gli agenti intervenuti ed era stato pertanto tratto in arresto.

La notifica e l’esecuzione della sorveglianza sono avvenute in data 7 novembre. Fra le prescrizioni imposte, oltre l’obbligo del soggiorno nella frazione Casette di Castel Trosino di Ascoli Piceno, anche quello di non associarsi a pregiudicati, permanenza notturna, divieto detenzione armi, e ricerca stabile attività lavorativa.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 164 volte, 1 oggi)