ASCOLI PICENO – In casa Ascoli si cerca di capire il motivo del complicatissimo momento. In una conferenza stampa oggi pomeriggio, Gianni Lovato, Francesco Marroccu e Giuliano Tosti hanno voluto fare il punto della situazione.

Il direttore generale Gianni Lovato crede che “il momento è difficile e non vogliamo che diventi drammatico. Dobbiamo riuscire a gestire le emergenze. Dai tifosi arriva comunque un segnale importante. Dobbiamo fare fronte comune per uscire dalla fase difficile Abbiamo faticato molto per avere la B e dobbiamo tenercela stretta. Tutto l’ambiente deve rimanere unito. Da domani la squadra sarà in ritiro (al Casale) ma rimane ad Ascoli perché abbiamo bisogno di tutti per ripartire.  Sottolineo che non è un ritiro punitivo, ma un momento in cui il mister potrà conoscere tutti i suoi giocatori. C’è ancora tempo per rimediare e dobbiamo sfruttare tutte le occasioni”

Il socio del CdA bianconero Giuliano Tosti dice che “siamo ancora in emergenza. Noi siamo comunque fieri dei nostri giocatori ma bisogna avere più carattere. Serve uno shock per ripartire. Il Presidente Bellini cerca di infonderre sicurezza anche da lontano, ma i nostri giocatori devono capire cosa  è l’Ascoli, capire cosa rappresenta per la città”

Il direttore sportivo Francesco Marroccu è categorico: ” a volte si è incudine, altre volte martello. Dopo Pescara potevamo vincere ancora e da Modena in poi siamo diventati incudine. Non possiamo essere diventati così fragili. Un plauso ai nostri tifosi che ci hanno dato una lezione di serenità e sono sicuro che il lavoro di Mangia darà i suoi frutti. Stampa, squadra e tifoseria tutti insieme saranno decisivi per raggiungere i 50 punti. Noi ci salveremo muovendo la classifica a piccoli passi”

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 373 volte, 1 oggi)