ASCOLI PICENO – Un’atmosfera calda e accogliente tra i dipinti antichi del Foyer del Teatro Ventidio Basso. Viene servito un tè, aromatico, speziato, nelle tazzine prive di manico, dallo stile orientale i cui decori fanno trapelare la certosina arte . Le persone che si accingono a prendere posto tra i tavolini di marmo e ferro battuto, ricordo degli antichi splendori di Belle Epoque, sono visibilmente euforiche e curiose di vedere il Maestro che, per qualche ora, li farà trasmigrare in Giappone, in un epoca di valori e sentimenti radicati così fortemente da diventare un’arma di morte.

Arriva, Pier Luigi Pizzi, regista, scenografo e costumista del teatro lirico da sessant’anni, con passo veloce, preso nel dare indicazioni sullo spettacolo che debutterà al Teatro Ventidio Basso il prossimo 21 novembre. A mano a mano arriva il cast, giovane, allegro, piacevolmente sorpreso da tanta aspettativa del pubblico. Tutti accomodati attorno al Maestro: il suo esser canuto parla della sua lunga carriera teatrale, ma i suoi occhi vispi e profondi raccontano la passione di fare teatro, fresca, energica e per nulla sopita come la caducità della natura umana spingerebbe a fare.

E inizia, con quella voglia di chi la passione per ciò che fa la vuole trasmettere agli altri, a raccontare sommariamente la trama di questa opera lirica: “Madama Butterfly”.
Cho Cho San (Madama Butterfly), Pinkerton, Goro, il principe Yamadori, Suzuki, questi personaggi creeranno uno spaccato di tradizioni giapponesi a confronto con la superficialità dell’età giovanile, un ragazzo che la carriera militare lo vuole uomo, ma che la sua giovane età lo porta a prendere le cose della vita come una fantastica avventura. Lei, Cho Cho San ( Donata D’Annunzio Lombardi), geisha per cultura, scoprirà in lui il vero amore, travolgente, per il quale è disposta a tutto. Lui, Pinkerton (Vincenzo Costanzo), giovane ufficiale della marina americana, viene affascinato da una cultura così diversa dalla sua, stregato dalla bellezza di questa giovanissima (15 anni) donna orientale, al punto di desiderare, solo al momento, un legame con lei, senza preoccuparsi del grande coinvolgimento emotivo della ragazza. E, dunque, chi, se non un intraprendente Goro ( Gregory Bonfatti) può proporre al giovane marines un matrimonio veloce e senza troppe formalità? Ecco allora che questo personaggio si prodiga a far si che tutto risulti reale, il matrimonio, la casa, ma in realtà Pinkerton tornerà di lì a breve alla sua vita occidentale incurante dei sentimenti profondi di Madama Butterfly, lasciandola nella convinzione di essere il suo unico vero amore. Quando, nel tempo, si ritroverà al cospetto dell’unica realtà, il suo abbandono e il matrimonio del suo amato con una donna americana, il suo alto senso morale e il profondo rispetto verso se stessa, la porteranno a compiere il nobile gesto della cultura nipponica del suicidio tramite harachiri.

Madama Butterfly – teatro Ventidio Basso Ascoli Piceno – debutto sabato 21 novembre 2015 ore 20.30

Spettacolo riservato alle scuole: giovedì 19 novembre 2015 ore 17.00

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 283 volte, 1 oggi)