ASCOLI PICENO –  il gol di Cacia ha risolto il match in favore dei bianconeri finalmente servito a dovere nel secondo tempo ha potuto sfruttare al meglio le sue qualità: “Il calcio a volte non è come si scrive, quando un attaccane fa gol i giudizi cambiano subito, a volte si danno giudizi affrettati. Il mio calcio è quello che si è giocato oggi. Dico quello che penso mi prendo le mie responsabilità, a volte i giudizi cattivi dal di fuori danno fastidio ma ho esperienza e voglio dare il massimo per la squadra nella quale gioco. A volte non riesco ad esprimermi come vorrei sono successe troppe cose in questi due mesi, arrivavamo al sabato stanchi non è un alibi e non lo deve essere. oggi sono felice aspettavo questa gara da quando sono arrivato è un nuovo inizio è stata una vittoria del gruppo contro una squadra che ha la miglior difesa del campionato.

“Va dato atto alla nostra prestazione, prima dovevamo dimostare a noi stessi di avere questo carattere. le difficoltà le abbiamo avute e le avremo è un campionato in cui devi essere forte mentalmente. Il carattere e la voglia di vincere fa ben sperare. Quando le cose non vanno bene fare autocritica è importante l’abbiamo fatto più volte ma non so per quali motivi poi non cambiavano le cose ma non parliamo del passato, a livello di gruppo abbiam tirato fuori qualcosa di importante. Fisicamente non sto al 100% ma ho dei margini di miglioramento. Il gol lo dedico a mio figlio Nicolò che me l’ha chiesto ieri.”

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 449 volte, 1 oggi)