OFFIDA – Sembra che nel giro di una settimana degli idioti abbiano imbrattato per ben due volte una lapide che ricorda la memoria di Cesare, Antonio e Luciano Gabrielli, “trucidati dalla barbarie nazista” il 14 giugno 1944.

“Saremo sempre più veloci noi a ripristinare i simboli della Memoria che voi ad oltraggiarli” scrive il sindaco di Offida Valerio Lucciarini. Il consigliere comunale Luigino Nespeca scrive: “La firma è inconfondibile. Bulli ignoranti, con un bagaglio culturale vuoto o pieno di monnezza ideologica, non hanno saputo fare di meglio che sporcare la memoria della nostra storia recente, di quella Resistenza che ci ha regalato la Legge fondamentale dello Stato, la Costituzione”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 390 volte, 1 oggi)