ASCOLI PICENO –  Una vittoria che fa ben sperare tifosi e addetti ai lavori, un Ascoli che vince e convince come quello visto a Livorno. Squadra che vince non si cambia e cosi Mangia schiera gli undici della trasferta toscana e ottiene 3 punti importantissimi per il morale ma sopratutto per la classifica che non è poi cosi buia.

Ascoli che parte subito aggressivo, pressing alto e pochi gli spazi concessi, ottimo il duo Petagna -Cacia, il primo raccoglie palloni scendendo sulla tre quarti, conquista punizioni e corner, il secondo impegna costantemente la difesa avversaria facendo salire la squadra e rappresentando il terminale della manovra offensiva. Un centrocampo di contenimento con Giorgi, Addae e Carpani che gestiscono la manovra e Jankto sulla fascia libero di spaziare, e di incunearsi nella difesa avveraria. La difesa è impenetrabile, bene Milanovic e Mengoni, Almici ottimo come sempre mentre Cinaglia sembra essere tornato quello di un tempo.

Calaiò uno dei pochi che si era dimostrato in partita abbandona il campo prima del fischio del primo tempo lasciando spazio a Nenè. Lo Spezia manca un gol a porta vuota dopo un palo che aveva favorito i liguri. Migliore, sempre pericoloso sulla fascia, dopo un ottimo primo tempo scende nella ripresa così come tutta la squadra di Di Carlo, impotente davanti ad un’Ascoli praticamente perfetto. Il vantaggio meritatissimo arriva all’ottavo minuto del secondo tempo con Petagna servito da Jankto dopo uno slalom in area, tap in vincente in mezzo alla mischia. Poi due traverse prima di Addae e poi di Almici negano il raddoppio all’Ascoli che arriva però al 32esimo con lo stesso Addae che raccoglie un corner di Jankto e infila in rete con un rasoterra in girata. Passa solo un minuto ed esplode il Del Duca quando Cacia cala il tris con un gol dei suoi, lancio di Petagna al limite dell’area, stop con il quale supera il difensore e rasoterra potente che si infila in rete.

L’Ascoli chiude al meglio questo 2015 prima della sosta, il mercato si riapre e probabilmente qualche innesto sarà necessario, ma Devis Mangia ha sicuramente individuato la strada giusta per ottenere la salvezza.

 

 

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 281 volte, 1 oggi)