ASCOLI PICENO – Importante blitz dei carabinieri del nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Ascoli Piceno, denominato “Bianco Natale”. Un’indagine era scaturita dopo una richiesta di soccorso giunta al 112 negli ultimi giorni di novembre. Un 17enne di Castel di Lama affermava di essere vittima di estorsione. Dai primi accertamenti è risultato che il minorenne aveva maturato un debito per l’acquisto di sostanze stupefacenti per uso personale con F. A. (25enne di Castel di Lama) e P. S. (40enne originario della provincia di Napoli):

Nella sua richiesta d’aiuto il ragazzo, impaurito, aveva riferito che i due lo avevano minacciato telefonicamente. Se non avesse restituito il denaro sarebbe stato malmenato. Le indagini, avviate dal Sostituto Procuratore Monti, hanno consentito di accertare la veridicità di quanto denunciato e la pericolosità dei due spacciatori. Nella prima settimana di dicembre i militari del Norm hanno eseguito l’arresto nei confronti del 25enne per estorsione a Castel di Lama. In quell’occasione si verificò la consegna del denaro effettuata dal ragazzo (divenuto maggiorenne) e scattò il fermo per F. A.

I successi sviluppi investigativi hanno permesso di appurare che P. S., in concorso con  la compagna S. S. (29enne originaria della provincia di Milano), aveva messo in piedi un’intensa attività di spaccio con base logistica a Casoria e riforniva la vallata Ascolana oltre che il Nord Italia. A ridosso della vigilia di Natale la coppia di fidanzati per “festeggiare” aveva organizzato un viaggio in Olanda al fine di acquistare un ingente quantitativo di droga da rivendere in Italia.  Proprio al ritorno dal viaggio il Norm di Casoria, attivato dai colleghi di Ascoli, ha effettuato una perquisizione all’interno dell’abitazione campana di P. S. e S. S. Sono stati recuperati circa 200 grammi di cocaina, un bilancino di precisione e materiale per il confezionamento.

La coppia è stata arrestata insieme ad altre due persone (tra cui un uomo originario del Fermano ma residente nel Maceratese). I quattro sono stati condotti nel carcere di Poggioreale e Pozzuoli.

Per P. S. e F. A. è stata inoltre emessa un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nel giorno di Santo Stefano, notificata dai carabinieri di Ascoli, presso il carcere di Poggioreale e Marino del Tronto.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.299 volte, 1 oggi)