ASCOLI PICENO – Bilancio di fine anno per la Giunta Castelli.

Il primo cittadino Guido Castelli parla di “una città che è passata dal 72° al 21° posto nella classifica sulla qualità della vita. Possiamo dire che il territorio ha  reagito alla crisi. Dobbiamo puntare sui nostri gioielli di qualità e per questo stiamo lavorando anche con alcune Università americane per creare una maggiore domanda di beni e servizi per attirare nuovo turismo da tutto il mondo” dice il Sindaco.

“Stiamo lavorando con il professor Stefano Rolando della IULM, che per dieci anni si è occupato della comunicazione di Palazzo Chigi per la brandizzazione del marchio Ascoli. Tutto questo sarà utile per far conoscere ancora di più la nostra città nel mondo”

Si parla anche di risparmi, in un momento non certo popolare per le banche: “i risparmi degli ascolani sono tanti, ma non c’è possibilità di impiegarli in attività locali e quindi vengono investiti altrove. Il nostro mercato è il mondo”. Sempre in tema finanziario “abbiamo stipulato mutui per 10 milioni in questi giorni per una serie di importanti lavori pubblici. Si interverrà sulla pista ciclabile, sui nuovi parcheggi, sulla nuova Tribuna Est e su tantissimi altri settori. Sarà una riqualificazione urbana imponente”. Castelli ricorda che “a marzo l’84% del territorio della città sarà cablato dalla fibra ottica”

“Stiamo pensando” continua il Sindaco “che Campolungo e la Sentina non vadano abbandonate e stiamo pensando di realizzarci orti da concedere a giovani agricoltori”.

Questione spending review: “Stiamo lavorando ad una maggiore riscossione di tasse non corrisposte e sulla diminuzione delle bollette telefoniche. Siamo passati dai 25mila euro del primo bimestre agli 11 mila dell’ultima bolletta telefonica”

Una delle criticità rilevata da Castelli è “la questione rifiuti. Purtroppo la miopia della Provincia sulla sesta vasca di Relluce ha generato l’aumento della Tari. Ma punteremo sul porta a porta spinto, che ha maggiori costi, ma che porterà ad un aumento della percentuale della raccolta differenziata. Sempre sul tema Provincia, temo la loro fuga dal CUP e dagli altri Enti. Dovremo farci carico anche di questo e garantire anche le borse di lavoro per i disabili psichici”

Altro evento importante:”entro gennaio verrà approvato definitivamente il Piano Regolatore, dopo un’attesa di 43 anni.”

Tra gli eventi  in arrivo  il 5 marzo  la mostra  “Da Cimabue a Caravaggio”  punta di diamante dell’offerta culturale realizzata in collaborazione con la Città del Vaticano mentre a luglio torna l’Altra Ascoli e la Notte Bianca ad Agosto.

Sul tema ambientale Castelli sottolinea che “l’area della Ex Carbon, rispondendo all’Onorevole Agostini, non è di  interese nazionale e non è nell’elenco speciale del Ministero, quindi non potremo godere dei benefici indirizzati a questi siti. Ma entro il 2016 partirà la bonifica”

Anche nella Sanità, “resta sempre in piedi l’ipotesi Campolungo per il tanto atteso Ospedale di vallata. A differenza di ciò che è accaduto a Fermo qui non siamo ancora d’accordo su tante cose. Anche sulla questione dei punti nascita, voglio rassicurare che non verranno chiusi, perché Ascoli è il baricentro delle esigenze neonatali”

“Stiamo cercando di razionalizzare il più possibile, soprattutto sulla voce stipendi che ogni anno pesa per circa 17 milioni di euro, ma certamente il Governo non ci aiuta. Abbiamo subito tagli per 8 milioni negli ultimi anni”

E su un possibile “rimpasto” di Giunta Castelli dice che “verrà fatto un tagliando tra non molto e verranno valutati alcuni accorgimenti. Posso comunque confermare che in tempo di vacche magre è molto difficile gestire una città”

Infine, su una possibile candidatura in Parlamento per il sindaco ascolano: “ci penso e se nel 2018 ci saranno le condizioni, valuterò la questione. Certamente il centrodestra si trova in un momento di riorganizzazione e vedremo se potrò dare il mio contributo”

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 230 volte, 1 oggi)