ASCOLI PICENO  – “Il 95% dei nostri iscritti ha votato contro la partecipazione al bando comunale per la gestione del Circolo Morelli”. Così Cristiano Marinelli, presidente del direttivo dello storico centro tennistico ascolano.

“Gli aspetti tennistici di questo bando sono secondari e totalmente disattesi” prosegue Marinelli, “abbiamo esplicitato tutte le criticità del bando soprattutto dal punto di vista finanziario. Ci saranno circa 102mila euro a disposizione per i lavori in 4 anni, una somma non da poco. La messa a norma sarà a carico del concessionario. Ad oggi nel bando non sono quantificate diverse spese. Ma la cosa che ci ha preoccupato è che il Comune potrà riappropiarsi del Circolo in qualsiasi momento senza preavviso e questo per noi non è accettabile. Abbiamo incontrato il dirigente Curzi ma ancora non conosciamo gli oneri di competenza.”

“Ad oggi non sappiamo ancora cosa accadrà da marzo a giugno, quando inizieranno i tornei e i nostri ragazzi (130 iscritti) non sapranno più dove andare se il Circolo cesserà le attività” conclude Marinelli

Il responsabile della Scuola Tennis del Circolo, Saro Marinelli sostiene che ” la purezza dello sport viene soppiantato da altri fattori. per noi il valore dello sport non ha prezzo. Da questo centro sono usciti campioni come Narducci e Travaglia. Sarebbe un peccato perdere questa eccellenza. I campi devono essere a disposizione dei giovani, ma con questo bando non è possibile. Il Circolo non deve morire”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 170 volte, 1 oggi)