ASCOLI PICENO –  I titolari delle farmacie della provincia di Ascoli Piceno non accettano le accuse del direttore generale dell’agenzia delle entrate, Rossella Orlandi che a livello nazionale ha espresso pesanti critiche alla categoria.Al centro della vicenda l’inserimento nel 730 precompilato delle spese per farmaci . 
Il presidente dei farmacisti del Piceno Pasquale D’Avella sottolinea” non appena il Governo ha annunciato la novità, abbiamo condiviso l’obiettivo di semplificare la vita ai cittadini “.
“Purtroppo – prosegue – è stata la consueta complessità della norma, annunciata con largo anticipo nel 2014, ma definita solo ad agosto 2015: la conseguenza è stata che i dati relativi alle spese sostenute nel 2015 in farmacia dai cittadini non potranno essere interamente inseriti “.
Ciò anche perché solo da agosto 2015 il garante della Privacy si è pronunciato, con uno specifico provvedimento a disciplinare il trattamento di dati   sensibili come sono quelli relativi alla spesa sanitaria.
D’Avella invita a riflettere sul fatto che “definita la norma, le farmacie si sono immediatamente attivate per far modificare i programmi di gestione ma dobbiamo ricordare che le memorie dei registratori di cassa esistono, sono sigillate e quindi non accessibili direttamente ai farmacisti ma alle autorità preposte “.
La conclusione di questa vicenda è positiva: le farmacie attualmente hanno risolto, con molto impegno e professionalità, tutti i problemi relativi all’invio degli scontrini fiscali rilasciati e, quindi, dal primo gennaio 2016, saranno inviati regolarmente per rafforzare con questo nuovo servizio il quotidiano dialogo con le famiglie».
Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 146 volte, 1 oggi)