ASCOLI PICENO – Il sostituto procuratore di Ascoli Piceno Umberto Monti ha aperto un fascicolo contro ignoti ipotizzando il reato di istigazione al suicidio in relazione alla morte di Lidia Di Nicola, la donna scomparsa da casa otto giorni fa e ritrovata morta nella mattinata del 30 gennaio sul Colle dell’Annunziata.

Una scelta che il magistrato, a quanto riportato sull’Ansa, ha definito “tecnica” per poter effettuare tutti gli accertamenti a cominciare dall’autopsia che verrà affidata probabilmente il primo febbraio al medico legale Pietro Alessandrini, lo stesso che oggi ha compiuto la ricognizione cadaverica.

Finora non sono emersi elementi che possano far sospettare una morte violenta. Il suicidio è l’ipotesi a questo punto più plausibile.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.696 volte, 1 oggi)