ASCOLI PICENO –  Si è tenuta ieri al TAR Marche l’udienza relativa al procedimento promosso da Restart avverso la prima ordinanza emessa dal sottoscritto in riferimento alla presenza di amianto nel sito ex carbon.

Nel corso della seduta pubblica il Comune di Ascoli ha depositato  l’ordinanza n.23 del 27.01.2016 con la quale, in virtù dell’aggravamento del rischio segnalato dalla ASUR, è stato ordinato alla Restart di avviare le operazioni di smaltimento dell’amianto entro 15 giorni e di concluderle entro 180 giorni (secondo le modalità stabilite nel POB in corso di approvazione).

Il sindaco di Ascoli, Castelli ha ricordato che “la società ha quindi chiesto rinvio per valutare, anche ai fini processuali, il nuovo provvedimento. Il TAR ha stabilito di rinviare l’udienza di cinque mesi (3.6.2016), in prossimità della scadenza dei 180 giorni, anche al fine di verificare lo stato delle operazioni di smaltimento dell’amianto e l’avvio a conclusione.”

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 186 volte, 1 oggi)