MONTEGIORGIO – L’autopsia conferma quanto emerso dalle prime impressioni, subito dopo il ritrovamento dell’avvocatessa Loriana Dichiara, montegiorgese di 56 anni: è stato infatti un “cocktail” di farmaci a causare la morte della donna, scomparsa lo scorso 15 febbraio a bordo della sua automobile, una Fiat Punto, e ritrovata soltanto il 22 febbraio nel parcheggio della Casa Pia Hermes di Loreto.

La donna ha ingerito diversi tipi di medicinali, abitualmente adoperati per la cura di diverse patologie di cui soffriva. Ciò è confermato dall’autopsia eseguita dal medico legale Marco Valsecchi presso l’obitorio dell’ospedale Torrette di Ancona. L’ipotesi di suicidio era emersa anche a seguito del biglietto che la donna stessa aveva scritto, rinvenuto nell’automobile.

I funerali saranno celebrati venerdì alle 15,30 nella chiesa di San Giorgio a Montegiorgio, e prima ci sarà una camera ardente nella chiesa di San Michele.

(Letto 401 volte, 1 oggi)
Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 401 volte, 1 oggi)