ASCOLI PICENO – A Pescara si è visto un Ascoli determinato, grintoso e finalmente con un impostazione taticca che ha lasciato poco spazio agli avversari, ma le prestazioni erano già migliorate dalla partita di Brescia. Squadra corta che si è mossa bene ed insieme, un centrocampo che oltre ad essere dinamico può contare sulla tecnica di Giorgi e di Benedicic che non ha mostrato timore nel prendere iniziativa. Una difesa solida, peccato l’espulsione di Milanovic, Almici e Dimarco che asfaltano le fasce andando spesso al cross nel caso del primo e al tiro nel caso del secondo. Un attacco che può contare sulla qualità di Petagna e sull’esperienza di Cacia, che anche da subentrato ha dato un impatto positivo sul match andandosi a conquistare il corner da cui nascerà il pareggio di Giorgi. Nota a parte per  Jankto, lavoratore instancabile che mostra ogni settimana margini di miglioramento, corsa, velocitò e dribbling coronati dal gol, indubbiamente un ragazzo che farà strada.

Come comunicato dalla società, a seguito del trauma subìto dal difensore Dario Del Fabro al triplice fischio della gara Pescara-Ascoli, è stata riscontrata al calciatore una ferita lacero contusa fra le due sopracciglia che ha richiesto l’apposizione di quattro punti di sutura.

I bianconeri sono tornati ad allenarsi questa mattina all’Ecoservices, in vista del turno infrasettimanale che vedrà gli uomini di Mangia impegnati martedì sera al Del Duca con il Modena. I titolari della gara di ieri col Pescara hanno svolto una seduta di scarico in palestra e terapie in infermeria; tutti gli altri sono stati impegnati in campo in un riscaldamento funzionale, in esercizi 11 vs 0, in cambi di direzione e tiri in porta e in una partita finale a campo ridotto. Sono rientrati ad Ascoli Altobelli, che dopo l’intervento al ginocchio aveva svolto la prima parte di terapie a Villa Stuart e che ora continuerà il recupero con lo staff bianconero e Mengoni, che giovedì scorso si era sottoposto a Milano ad intervento al ginocchio. Per il difensore bianconero è iniziato oggi il programma individuale di terapie riabilitative. Si è allenato a parte Doudou, mentre Carpani, indisponibile per la gara dell’Adriatico, si è allenato col gruppo senza disputare però la partitella finale. Domani è in programma la rifinitura allo stadio alle 14:30 a porte chiuse.

 

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 227 volte, 1 oggi)