ASCOLI PICENO – Non può essere felice mister Mangia nel dopo gara di una partita persa allo scadere. Dopo l’iniziale passivo, dopietta di Mokulu, che sembrava aver indirizzato subito la gara a favore dell’Avellino, arriva il gol di Jankto a riaccendere le speranze e poi il pareggio di Cacia. Prima della chiusura del primo tempo addiriuttura il vantaggio sempre con Cacia, in splendida forma. Nella ripresa l’Ascoli però si spegne un pò, pareggiano gli irpini con Insigne e al 42esimo la mano di Mitrea in area è sanzionata con il penalty che regalerà la vittoria agli uomini di Tesser.

Mister Mangia:”Sono proprio arrabbiato, perché non si possono perdere partite in questo modo. Quando si sbaglia tanto, si fa fatica poi a fare risultato; primo tempo di gran lunga il migliore fatto finora, ma abbiamo sbagliato troppo, regalando tutti i gol all’avversario soprattutto i primi due. Analizzerò ancora meglio gli errori fatto, abbiamo sbagliato tanto, troppo per una squadra come noi che deve salvarsi. Anche se fosse finita 3-3 sarei stato arrabbiato, ora ci toccherà andare a vincere qualche partita fuori casa; tre punti oggi avrebbero significato mettere un altro mattone importante per la salvezza”.

Attilio Tesser, tecnico dell’Avellino, analizza così questo match dai due volti:”L’Ascoli non ha mollato mai e noi siamo stati bravi a prevalere. Nel econdo tempo abbiamo fatto noi la partita e nel finale il rigore a nostro favore ci ha risolto la partita. Non abbiamo rubato niente, abbiamo avuto qualche difficoltà ma nella ripresa abbiamo gestito bene.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 144 volte, 1 oggi)