ASCOLI PICENO – I consiglieri di maggioranza del consiglio comunale di Ascoli Piceno hanno presentato un ordine del giorno chiedendo al sindaco attivarsi, con urgenza, nei confronti del Presidente della Repubblica, del Governo e del Parlamento al fine dei sensibilizzare gli stessi circa le rivendicazioni del segretario generale del sindacato autonomo di polizia Gianni Tonelli, del sindacato che egli rappresenta e di tutte il personale di pubblica sicurezza, in merito alla necessità di ripristinare le necessarie dotazioni finanziarie utili a garantire i livelli di sicurezza adeguati alle esigenze dei cittadini e alle crescenti situazioni di criminalità che si possono verificare nel nostro Paese.
Gianni Tonelli ormai da quasi sessanta giorni sta portando avanti uno sciopero della fame, a seguito dei tagli dissennati perpetrati dal Governo con al Legge di Stabilità, al fine di denunciare la gravità delle ripercussioni che tali tagli hanno sulle forze di sicurezza, sciopero della fame che ha portato lo stesso Tonelli al ricovero ospedaliero il 3 marzo ed una seconda volta il 9 marzo scorsi.
Pertanto, – prosegue il comunicato- destano preoccupazione le condizioni di salute del segretario generale del sindacato autonomo di polizia Gianni Tonelli, come anche si esprime vicinanza allo stesso ed a tutto il personale di pubblica sicurezza, impegnato a garantire la sicurezza dei cittadini e del territorio nazionale e nelle missioni all’estero.
La vicenda si  sta svolgendo nella totale indifferenza delle massime istituzioni nazionali, trovando, invece, solidarietà in Europa, oltre al sostegno incassato dai partiti dell’opposizione in Italia in parlamento.
Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 120 volte, 1 oggi)