ASCOLI PICENO -Il Presidente della Provincia Paolo D’Erasmo ha deciso di chiedere, insieme ai sindaci del Piceno, alla Regione Marche di attivarsi presso la Presidenza del Consiglio del Ministri – Dipartimento di Protezione Civile per ottenere la dichiarazione dello stato di emergenza. Tale richiesta è stata inoltrata ieri alla luce dei gravi danni sul territorio provocati dalle forti piogge che hanno compromesso ulteriormente l’assetto idrogeologico di un territorio fragile, bisognoso di interventi strutturali e già interessato, a più riprese negli anni precedenti, da calamità che hanno indebolito ulteriormente le infrastrutture viarie e logistiche.

I tecnici della Provincia e dei Comuni prontamente intervenuti per le azioni di ripristino e un primo monitoraggio della situazione hanno riscontrato pesanti criticità diffuse su tutta la rete viaria provinciale e comunale colpita specificatamente e, in molteplici tratti, da frane e smottamenti. Si sono anche aggravati fenomeni erosivi lungo la costa e si segnalano problematiche e disagi per la popolazione con strutture e impianti produttivi agricoli, industriali e turistici danneggiati. Notevoli sono stati anche i danni riscontrati sui corsi d’acqua dove si sono registrate esondazioni e fenomeni erosivi.

“Questo Ente – scrive il Presidente D’Erasmo nella richiesta inviata al Presidente della Regione e per conoscenza alla Prefettura di Ascoli Piceno – ha immediatamente messo in campo tutte le risorse umane e strumentali disponibili, tuttavia insufficienti a fronteggiare la situazione che, per intensità ed estensione, eccede le capacità e le potenzialità della Provincia. L’ennesima ondata di maltempo – prosegue D’Erasmo nella missiva – ha confermato la vulnerabilità del territorio e la necessità, sempre più impellente, di intervenire nell’adozione di provvedimenti in grado di contenere quanto più possibile, i potenziali danni causati da eventi di tale intensità e portata”.

“Vorrei ringraziare tutti i dipendenti della Provincia – afferma D’Erasmo – che si sono immediatamente mobilitati con impegno per gestire l’emergenza lavorando per riattivare il transito sulle strade interrotte ed eliminare le situazioni di pericolo. La mia gratitudine va anche ai Comuni che hanno aiutato la Provincia nelle operazioni di ripristino con propri mezzi e personale. La Provincia sta facendo con i propri tecnici un’attenta ricognizione dello stato dei danni, rilevazione che verrà inviata il più presto agli Enti competenti”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 158 volte, 1 oggi)