ASCOLI PICENO – Il 29 aprile ricade il settantesimo anniversario dell’insediamento del Consiglio Comunale di Ascoli Piceno.
Una data importante per la città e che l’Amministrazione ha deciso di rendere ancora più significativa organizzando una serie di iniziative che si sono svolte a Palazzo dei Capitani. Alle 15.30 nella sala della Ragione seduta straordinaria

Incontri sul tema, videoproiezioni e testimonianze con la partecipazione degli ex sindaci ed ex amministratori per una giornata che ha voluto ricordare ed esaltare i principi di democrazia alla base dell’Istituzione. Ecco perché, nell’occasione, il Presidente del Consiglio Marco Fioravanti omaggerà i presenti con un opuscolo in cui sono stati tracciati i momenti più rilevanti che hanno segnato la storia del consiglio Comunale.

“Il Comune per la maggior parte dei cittadini è lo Stato. – spiega il Sindaco Guido Castelli – Per Comune intendo il Sindaco tanto quanto l’impiegato dell’anagrafe. Lo Stato è quello che rende la vita dei cittadini più facile, migliore, più vivibile. Il Consiglio comunale è quindi il luogo naturale in cui i cittadini vedono il primo frutto della rappresentanza, per poter influire sulla organizzazione dello Stato, sulla sua efficienza ed efficacia. Il Consiglio comunale è l’assemblea che è frutto della democrazia reale, vissuta, esercitata. Per tutto questo non è retorico celebrare i 70 anni del Consiglio comunale di Ascoli Piceno. Dopo le elezioni del 7 aprile 1946, il 29 aprile il Consiglio comunale si insediò per dare corpo e vita a quella porzione di Stato che è e resterà sempre quella più vicina e praticata dai cittadini.

In  questi 70 anni c’è stata una cesura che è giusto rilevare. Fino agli anni Novanta tutto accadde come nel 1946. Dal 1995 ad oggi in Comune lo Stato si è fatto più vicino. Il Sindaco è scelto direttamente dai cittadini, non più dai partiti in Consiglio comunale. Un onere e un onore in più per chi, come me, ha avuto questa meravigliosa possibilità: servire la città che si ama. Una responsabilità in più per il Consiglio comunale, chiamato a equilibrare i poteri della democrazia nell’organizzazione delle autonomie locali.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 171 volte, 1 oggi)