ANCONA – Le Marche da gustare, ma contraffatte. Sono state comminate 27 sanzioni amministrative, da parte del Corpo forestale dello Stato, nell’ambito di una campagna di controllo riguardo le contraffazioni agroalimentari condotta dall’inizio dell’anno nelle Marche. Il valore complessivo delle sanzioni è di 97 mila euro.

I controlli hanno riguardato prodotti della grande distribuzione, del web e da esercizi che commercializzano prodotti con certificazioni di qualità e sul web. Le irregolarità sono state riscontrate principalmente nelle province di Macerata, Pesaro ed Ancona. A Macerata le contestazioni hanno riguardato l’usurpazione della denominazione del Ciauscolo, prodotto Dop.     Sanzionate anche pizze etichettate come Made in Italy, con denominazioni chiaramente evocative di nomi italiani ma in realtà prodotte in Svezia.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 217 volte, 1 oggi)