ASCOLI PICENO – Il bomber brasiliano analizza il match di oggi contro il Livorno:”Troppo nervosismo ma è normale mancavano due partite e si giocava in casa. Tanta responsabilità e a volte i giocatori non riescono a fare quello che avrebbero voluto. L’Ascoli poteva fare di più ma l’arbitro non ha fatto un buon lavoro. Ormai non c’è più niente da pensare, l’Ascoli deve fare la sua partita senza aspettare gli altri risultati. Mi ha colpito molto Orsolini davvero bravo.”

“Quando c’ero io, c’erano grandi giocatori come Gullit, Van Basten ora ci sono pochi giocatori così prima ogni squadra aveva molti giocatori di qualità ma il calcio è cambiato ora conta molto più il fisico e la parte atletica. Ho imparato molto dai giocatori italiani, prima in Italia gli stranieri che venivano erano i migliori.”

“I tifosi non cambiano mai,la passione è sempre la stessa, oggi mi sono emozionato molto per quello che è successo per come mi hanno accolto. Ora capisco l’importanza di quello che ho fatto e penso come in tutte le professioni e nella vita bisogna pensare, la responsabilità di quello che si fa perchè poi nel futuro la cose tornano. ”

“Il ricordo più bello?Il mio gol più bello ad Ascoli, quello contro la Fiorentina. penso che nei miei 4 anni qui è stato tutto bello non ci sono state cose brutte. Tutto quello che mi è successo qui è stato bello ho conosciuto brave persone con valori e sani principi che oggi sono miei amici.”

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 589 volte, 1 oggi)