LA SPEZIA – Al “Picco” di La Spezia, termina in pareggio l’ultima gara di questo campionato di serie B,una partita soporifera con poche iniziative da entrambe le parti, ma che vale la salvezza per i bianconeri e i play-off per lo Spezia, un pareggio che accontenta tutti. Al fischio finale i 300 supporter bianconeri esplodono in festa. Una salvezza che poteva arrivare molto prima. Una stagione che ha visto prima l’esonero di mister Petrone, poi l’addio di mister Mangia, arbitraggi spesso al limite della decenza, tutto sembrava remare contro ma questo Ascoli meritava di restare qui e ce l’ha fatta. Spezia ai play off contro il Cesena.

Andiamo alla cronaca del match, Ascoli che parte subito in pressing,  Beggi schiera le due punte con Petagna che torna titolare ed affianca Cacia, nel 5-3-2 studiato dal mister bianconero, ricordiamo che sono squalificati Giorgi, Addae e Perez, a centrocampo si rivede Carpani, che sfodera una bella prestazione, con Altobelli e Bianchi, in difesa Canini, Mengoni e Cinaglia al centro e Pecorini e Almici sui lati a completare il reparto difensivo, in porta un sempre ottimo Lanni. In panchina a sorpresa Orsolini e Jankto. Di Carlo dall’altro lato tiene a riposo Acampora e Catellani vista la quasi sicura partecipazione ai play off.

Al 15′ primo acuto del Picchio con Petagna che ci prova dal limite dell’area ma scivola e la palla finisce sul fondo.  Al 25′ è grande intervento di Lanni a salvare il Picchio, il portierone bianconero para l’insidioso tiro al volo di Sciaudone dal limite. Calaiò non ci sta e cerca il gol che lo porterebbe in doppia cifra, entra in area e raccoglie una palla filtrante, in scivolata cerca un tiro in diagonale che sfiora il palo sinistro della porta difesa da Lanni.  Nel secondo tempo sono i padroni di casa a prendere campo e con Calaiò sfiorano il vantaggio al decimo ma l’attaccante spezino stasera è troppo impreciso si farà anche ammonire e salterà la prima gara play-off. Al 26′ Spezia vicinissimo al vantaggio, palla che attraversa la linea di porta, alla fine è Bianchi a spazzare via poi sul finire di gara è Petagna a far sudare freddo i tifosi liguri ma il suo tiro da posizione angolata finisce sopra la traversa. 

Si attende solo il fischio finale che arriva dopo 4′ minuti di recupero, i tifosi possono festeggiare l’Ascoli di Bellini al primo anno in B dopo la rinascita conquista una meritata salvezza. Retrocedono Modena e Livorno e Como. Cagliari e Crotone in serie A, ai play off, Trapani, Pescara, Bari, Cesena e Spezia.

 

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 485 volte, 1 oggi)