APPIGNANO DEL TRONTO – Appignano del Tronto ha aderito alla settimana europea dello sviluppo sostenibile proposta dal parco Calanchi e monte dell’Ascensione che prevede un programma molto ricco di iniziative distribuite in diversi comuni, e volte alla riscoperta del territorio con una visione ecologica e sostenibile.

The European Sustainable Development Week parte in Europa e arriva nel borgo Piceno. Con una mostra fotografica che espone le meravigliose immagini del territorio caratterizzate dai Calanchi imposti sui versati esposti a sud est sulla formazione delle argille grigio-azzurre.

I Calanchi, che gli americani chiamano bad-lands ovvero terre cattive, vista l’impossibilità di coltivarle, sono per noi un risorsa da mostrare, un geosito che riempie gli occhi di chi li vede per la prima volta e l’anima di chi li vede cambiare ad ogni stagione.

Sono terre in movimento, criticità idrogeologiche, che arretrano ed erodono, ma che cambiano forma e colore con il passaggio delle acque di precipitazione dell’effetto crioclastico invernale e dell’aridità dell’estate, un geosito a tutti gli effetti da guardare e riguardare proprio per la sua predisposizione al cambiamento, per la sua dinamicità.

La mostra a cura di Lorenzo Sgalippa, mette in evidenza proprio questo, l’Ascensione, questa montagna imparagonabile nella sua geomorfologia e formazione, e i calanchi che caratterizzano come uniche al Mondo, la valle del Chifente e del Bretta. Foto scattate da diverse angolazioni e nelle diverse stagioni.

La mostra si apre con una foto che fa vedere, un unico raggio di sole che colpisce il solo borgo storico di Appignano del Tronto immerso in una distesa di terre e colline pettinate a festa ,pronte per affrontare la più bella delle stagioni.

Il 31 maggio si apre all’auditorium SALE dalle ore 10 alle ore 13, la mostra resterà aperta fino al 26 giugno.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 263 volte, 1 oggi)