ASCOLI PICENO  – Il Comitato “No Trivelle nel Piceno”, in una nota invita a “firmare a sostegno dei referendum sociali promossi dal basso, da noi cittadini, attraverso numerose associazioni e forze sociali dell’ambientalismo, del mondo della scuola, e quelle in difesa dei beni comuni; tutte insieme hanno dato vita ad un coordinamento nazionale che sta organizzando la raccolta firme. Oltre a diversi banchetti che stiamo allestendo in alcune località della Provincia, è possibile firmare in tutti i Comuni, ognuno in quello dove risiede. Invitiamo tutti i cittadini a firmare per questi referendum, perche dobbiamo invertire la rotta che questo Governo ha preso in questi due anni, minando alla radice la scuola pubblica, privatizzando beni e servizi pubblici, aggredendo l’ambiente a partire dalle trivellazioni, stroncando il riciclaggio dei rifiuti favorendo le lobbies degli inceneritori. Se hai a cuore l’istruzione dei tuoi figli firma per i 4 referendum sulla scuola che chiedono di abrogare le parti più “pericolose” della legge 107, quali il potere assoluto e discrezionale dei presidi, l’obbligatorietà cosi alta di alternanza scuola-lavoro, le norme sui finanziamenti privati a singole scuole. Se hai a cuore l’ambiente firma per il referendum che blocca tutte le nuove concessioni di trivellazioni per idrocarburi, che sono i maggiori responsabili degli sconvolgimenti climatici nel nostro Pianeta, e favorire invece lo sviluppo delle energie rinnovabili e quello per bloccare lo scellerato piano del Governo che prevede , obbligatoriamente, la realizzazione di 15 nuovi inceneritori sul territorio nazionale. Se vuoi che l’acqua rimanga un bene pubblico di tutti firma la Petizione Popolare che chiede il rispetto del risultato del referendum sull’acqua del 2011 ed il ritiro dei decreti attuativi per le privatizzazioni emanati da questo Governo.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 125 volte, 1 oggi)