OFFIDA –Nella giornata del 6 giugno a Offida è stata effettuata una “scoperta”. Nei pressi dell’agriturismo Rosa dei Venti, tra i cespugli, sono state rinvenute due cassette di legno con all’interno circa 18 chili di ordigni esplosivi (razzi antigrandine e tritolo) risalenti a parecchi anni fa, circa una quarantina. Erano in corso lavori della Ciip inerenti all’acquedotto.

I titolari hanno allertato i carabinieri di Offida che a loro volta hanno fatto arrivare gli artificieri da Ancona. Gli ordigni sono stati fatti brillare dopo aver messo in sicurezza l’area nella giornata del 7 giugno. Non ci sono state conseguenze anche se i militari hanno fatto ben intendere che potevano essere nefaste.

Gli ordigni utilizzati in passato da agricoltori per “allertare” l’arrivo di grandine o altre precipitazioni. In seguito sono diventati illegali.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.073 volte, 1 oggi)