ASCOLI PICENO –  Il consigliere regionale di Forza Italia Marche, Piero Celani, critica aspramente la relazione del Consiglio Regionale su Banca Marche. In una nota, l’esponente azzurro descrive:

“Una relazione di 107 pagine con tanto di grafici ed allegati (redatta con la collaborazione tecnico scientifica del dipartimento di management della facoltà di Economia dell’Univpm) frutto di un lavoro di tre mesi e mezzo e dodici riunioni. Questo il risultato della Commissione d‘indagine su Banca delle Marche voluta dal Consiglio regionale.  Non c’è che dire. Un dossier molto voluminoso. Ampio. Esauriente? Esaustivo? Veramente ci saremmo aspettati dalla Commissione non tanto le responsabilità tecniche del crack (per quelle sta operando la magistratura) quanto l’interazione con la politica, specie quella regionale.  Per questo con il M5S, la Lega Nord, Fratelli d’Italia e Gruppo Misto, ho presentato una proposta di risoluzione per fare completa chiarezza.  Non possiamo dire a tutti quei marchigiani, e sono davvero tanti, che hanno perso tutti i loro risparmi che la situazione è poco lineare e difficile da decifrare”.

Infine: “Avremmo voluto che la politica tutta a trazione PD, questa maggioranza politica che amministra la regione, dimostrasse più rispetto per i cittadini marchigiani vittime di Banca Marche, dando loro la verità e non astruse fumerie che sanno tanto di autoassoluzione”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 293 volte, 1 oggi)