ASCOLI PICENO – Il Gip di Ascoli Piceno ha emesso un’ordinanza di custodia per Franco Giorgi, l’intermediario d’affari ascolano ‘trattenuto’ in Libia da un anno e mezzo. La notizia è stata diramata, con una nota, dall’Ansa.

A quanto riportato dall’agenzia di stampa, l’uomo è accusato di traffico internazionale di armi e armamenti da guerra con due cittadini libici latitanti.

I carabinieri del Ros, si legge nella nota dell’Ansa, coordinati dalla Procura di Ascoli hanno arrestato in queste ore ad Ancarano un cittadino egiziano, coinvolto nella stessa inchiesta.

A quanto riportato dall’Ansa, Franco Giorgi (73 anni) sarebbe “il principale mediatore italiano” del network di Abdurraouf Eshati, un libico arrestato e condannato a sei anni in Gran Bretagna per un traffico da 28,5 milioni di dollari di armi destinate alle milizie di Zintan. Tutto ciò secondo un rapporto del Consiglio di sicurezza dell’Onu.

Giorgi avrebbe ricevuto una prima tranche di denaro dai suoi clienti libici, che però, sostiene il rapporto delle Nazioni Unite, gli sarebbe stata rubata in Italia. Così, nel marzo del 2015, l’uomo si sarebbe recato a Tripoli, “probabilmente per discutere il problema con i clienti”.

PER ULTERIORI DETTAGLI CLICCARE QUI

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1 volte, 1 oggi)