AMATRICE – Si sono svolti nel tardo pomeriggio del 30 agosto i funerali di 37 vittime del Terremoto ad Amatrice, in una tensostruttura a causa della pioggia.

Durante l’omelia il Vescovo di Rieti, Monsignor Domenico Pompili ha affermato: “Il terremoto non uccide. Uccidono le opere dell’uomo! La ricostruzione non dev’essere una querelle politica o una forma di sciacallaggio di varia natura, ma quel che deve: far rivivere una bellezza di cui siamo custodi”.

Mons. Pompili ha poi auspicato che la ricostruzione avvenga in loco: “Disertare questi luoghi sarebbe ucciderli una seconda volta”.

Presenti le più alte cariche dello Stato tra cui il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella e il Premier Matteo Renzi. Alla messa anche il Vescovo di Ascoli Giovanni D’Ercole.

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 182 volte, 1 oggi)