ASCOLI PICENO – Alla Procura della Repubblica di Ascoli Piceno è stato consegnato un dossier di fotografie dei crolli causati dal terremoto ad Arquata del Tronto e nelle frazioni. Il lavoro dei carabinieri si è concentrato sugli edifici pubblici, dove fortunatamente non si sono registrate vittime.

A quanto riportato dall’Ansa, questa la priorità indicata dalla Procura, che al momento mantiene il fascicolo aperto a modello 45, cioè notizie che non costituiscono reato, visto che l’inchiesta è ancora in una fase esplorativa.

In seconda battuta l’attenzione dei carabinieri e dei vigili del fuoco si è spostata sulle abitazioni civili dove si sono invece avute vittime (50 in totale i morti fatti dal sisma nelle Marche). Anche in questo caso sono state scattate foto degli immobili crollati, che ora sono sul tavolo del pm Umberto Monti, titolare dell’inchiesta.

A seguire, gli investigatori si sono occupati anche delle altre abitazioni, seguendo una direzione di indagine chiara, che porta alle case coperte da tetti in cemento armato.

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1 volte, 1 oggi)