ANCONA – La vendemmia 2016 nelle Marche sfiorerà il milione di ettolitri (+3% rispetto all’anno scorso).  Lo afferma la Coldiretti, la notizia è stata riportata sull’Ansa, sulla base delle previsioni Ismea.

Molto dipenderà dal mese settembre ma le condizioni attuali fanno ben sperare per una annata di buona qualità. Secondo l’Istituto marchigiano di tutela vini la fertilità delle gemme è stata leggermente sopra la media storica per quasi tutti i vitigni. Le operazioni dovrebbero partire con un ritardo di circa una settimana, da metà settembre per il Verdicchio e nei primi di ottobre per il Montepulciano, con una produzione di vino che dovrebbe arrivare intorno ai 983 mila ettolitri. In aumento anche l’incidenza delle superfici bio.

Nello spazio di un paio d’anni gli ettari coltivati a uva secondo il metodo biologico sono praticamente triplicati, passando da 1.100 a 3.800, quasi un quarto dell’intera superficie vitata regionale. Nelle Marche sono attive complessivamente 14.200 aziende, per una superficie complessiva di circa 16.200 ettari.

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1 volte, 1 oggi)