ASCOLI PICENO – Dopo il sisma del 24 agosto, il sindaco di Ascoli Guido Castelli insieme all’Erap ha dichiarato che il grattacielo nel quartiere Monticelli, definito pericolante dai Vigili del fuoco già nel 2013 doveva essere evacuato al più presto, senza aspettare  dicembre, mese in cui lo sgombero sarebbe comunque stato effettuato.

Il grattacielo di via dei Fiordalisi  è in stato di degrado, il cemento dello stabile è evidentemente lesionato ed i ferri fuoriescono dalle scale esterne mangiando il cemento,  dai terrazzi e dalle colonne la situazione è la medesima.

Sono state previste altre abitazioni, in altre zone di Ascoli e nei palazzi limitrofi, poichè saranno investiti dei soldi per la ristrutturazione del grattacielo costruito nel lontano 1971. L’Erap ha rassicurato gli inquilini che i tempi di ristrutturazione saranno “relativamente” brevi, due anni, ma i condomini sono perplessi.

Le reazioni  sono diverse, già otto famiglie hanno lasciato la loro abitazione, le altre, oltre 50 sono in via di trasloco. Il signor Geranio ci dice:”Sono quasi quarant’anni che sono qui, dentro gli appartamenti non ci sono crepe o lesioni, non capiamo perché ci vogliono trasferire, noi stiamo bene qui, il palazzo non è crollato con due terremoti quindi è stabile”.  Un’inquilina del terzo piano:”Dobbiamo andare via e andremo via siamo rassegnati ma è giusto così avrebbero dovuto ristrutturare prima, hanno già sistemato crepe vecchie ma ora non se ne sono create quindi saremmo potuti rimanere.”

Altri inquilini evidentemente molto più preoccupati invece stanno già sgomberando:”Siamo disperati, qui abbiamo una bella casa e dove ci mandano le abitazioni sono piccole e non sappiamo dove mettere le cose, noi vogliamo stare qui ma dicono che è inagibile e ce ne dobbiamo andare. Perchè in tutti questi anni non hanno mai speso soldi per ristrutturare? non capiamo questo.”

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 590 volte, 1 oggi)