ASCOLI PICENO – Il gruppo consiliare PD di Ascoli ha presentato nella mattinata del 13 settembre un’interrogazione urgente alla Giunta di Palazzo dell’Arengo in cui pone una serie di domande circa la situazione attuale degli edifici pubblici insistenti nel comune di Ascoli Piceno.  Il gruppo consiliare ritiene doveroso rendere dotta la cittadinanza della situazione di tutti gli edifici e le infrastutture di Ascoli. Non è allarmismo, è precauzione ed informazione trasparente.

“Sappiamo bene che purtroppo nelle nostre zone il sisma non è un evento eccezionale e sappiamo altrettanto bene che la prevenzione è l’unica soluzione per contenere i danni materiali ed immateriali del terremoti. In questi giorni non si fa che sottolineare che il modello Marche funziona, che tante risorse sono state destinate non solamente alla ricostruzione, ma anche alla prevenzione. E’ da questo modello che dobbiamo ripartire”  dichiara il capogruppo Francesco Ameli.

”I cittadini hanno diritto di essere adeguatamente informati sullo stato effettivo degli edifici pubblici e privati perché la sicurezza deve diventare oggetto della domanda pressante dei cittadini, se si vuole che entri nelle politiche di programmazione di lungo periodo. Tutto ciò deve essere fatto con atti ufficiali e non con le dichiarazioni Tv. Le stesse dichiarazioni che hanno portato ad una sovraesposizione mediatica negativa della nostra città, tanto che i turisti non si recano più ad Ascoli.” conclude il capogruppo.

Il consiglieri di opposizione chiedono dunque al comune di chiarire molti aspetti riguardanti il sisma del 24 agosto.

Ecco le domande:

Quale sia la situazione statica ed impiantistica degli edifici scolastici, pubblici e privati di pubblica utilità nel nostro territorio e quali siano eventualmente le azioni e i tempi di manutenzione in questione, già intraprese o da intraprendere.

Quale sia la situazione statica ed impiantistica delle infrastrutture (ponti strade scarpate) visto il crollo di molte di esse nei comuni del cratere sismico a seguito del terremoto del 24 agosto

Se sono stati fatti tutti gli accertamenti relativi alle vie di fuga sia su edifici pubblici e privati di pubblica utilità che su infrastrutture (le vie di fuga in caso di sisma non devono essere interessate da crolli per permettere evacuazioni e soccorsi)

A quali soggetti sono stati affidati i predetti controlli e quali costi.

Se si intende, come noi crediamo necessario, pubblicare tali risultati sui canali di comunicazione istituzionale del comune di Ascoli Piceno

Se tutti gli edifici e strutture di pubblica proprietà e gli edifici privati di pubblica utilità presenti nel territorio comunale di Ascoli Piceno sono stati sottoposti alla ‘analisi di vulnerabilità’ quale il risultato di quest’ultima e quanti sono stati costruiti  prima del 1974,

Quali edifici e strutture di pubblica proprietà presenti nel territorio comunale di Ascoli Piceno sono stati sottoposti al solo ‘miglioramento sismico’ 

Quali edifici e strutture di pubblica proprietà presenti nel territorio comunale di Ascoli Piceno  sono interessati da opere di adeguamento sismico e quale la loro copertura finanziaria. 

Quali edifici e strutture di pubblica proprietà presenti nel territorio comunale di Ascoli Piceno  sono in possesso delle certificazioni che attestano la corrispondenza tra le caratteristiche strutturali degli stessi con le norme antisismiche vigenti e in caso negativo, quali edifici ne sono attualmente sprovvisti.

Quali azioni si intende porre in atto ed entro quali tempi per favorire una maggiore cultura della prevenzione sismica tra cittadine e cittadini di Ascoli Piceno

Se si intende, come riteniamo necessario, inviare a tutti i cittadini ascolani una copia del piano di emergenza protezione civile del comune di Ascoli Piceno, anziché l’invio del periodico Arengo News come da ODG presentato.

Se si intende come riteniamo necessario, rendere pubblici i risultati delle perizie della protezione civile effettuate nelle strutture pubbliche ed in quelle private ad uso pubblico del comune di Ascoli Piceno 

Si richiede risposta scritta punto per punto entro i termini di regolamento ed orale in consiglio comunale

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 254 volte, 1 oggi)