ASCOLI PICENO- Un’Ascoli bello da vedere e ben messo in campo, fa divertire i cinquemila tifosi del Del Duca. Carpani il migliore in campo, eccezionalmente ispirato, illumina il gioco è il perno del centrocampo affiancato da Bianchi sempre  pronto in copertura per permettere le incursioni sempre pericolose di Cassata, Orsolini e Gatto. La difesa fatica poco ma è sempre attenta nelle poche incursioni offensive del Vicenza. Cacia si abbassa e spesso è il rifinitore o la sponda delle azioni offensive, utilizzato in questa maniera è molto più utile alla manovra, nel secondo tempo fa gridare al gol ma la sua girata sbatte nella parte interna della traversa, è poi un cecchino quando deve battere il rigore che chiude il match. Ad Aglietti il merito di aver fatto assimilare il suo gioco molto velocemente, un  gioco che richiede un dispendio di energie non indifferente ma che entusiasma i tifosi.

ASCOLI: Lanni 6; Pecorini 6, Cinaglia 6 (14’st Gigliotti 6), Mengoni 6,5, Mignanelli 6,5; Bianchi 6,5, Carpani 7,5, Cassata 7(34’st Giorgi sv); Orsolini 7, Cacia 6,5, Gatto 7,5 (39′ st Jaadi sv). Allenatore: Aglietti 7.

VICENZA: Benussi 6; Zaccardo 5, Adejo 4, Bogdan 6, Pucino 5,5; Vita 6 (1’st Fabinho), Rizzo 5 (30′ st Bellomo), Signori 5, Siega 5; Galano 6; Raicevic 5,5 (7′ st Cernigoi). Allenatore: Lerda 5

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 104 volte, 1 oggi)