CAPODACQUA – In mancanza di meglio, anche un viadotto diventa un luogo di ritrovo nei paesi devastati dal sisma. ”Capodacqua è ‘zona rossa’, e l’unico punto di ritrovo per tutti noi è il viadotto della strada provinciale. Ma non importa, perché quel che conta è stare insieme nel nostro paese. Ci batteremo con tutte le nostre forze affinché rinasca”.

A quanto riportato dall’Ansa, è stato il giorno “del cuore” per un gruppo di amici che da varie località della zona erano soliti ritrovarsi a Capodacqua, nel Parco dei Sibillini, uno dei centri più colpiti dal terremoto del 24 agosto.

”Capodacqua è la meno nominata dai media, ma cerca di tirar su la testa dalle macerie” e vuole salvare l’Oratorio della Madonna del Sole. Un edificio a pianta ottagonale del 1528, attribuito a Cola dell’Amatrice, e monumento nazionale.

“E’ gravemente danneggiato e a rischio crollo e bisogna intervenire immediatamente: speriamo che qualcuno ci ascolti” dicono gli amici del viadotto.

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 171 volte, 1 oggi)