PESCARA DEL TRONTO – Cinquantuno palloncini bianchi liberati in cielo, e su ciascuno il nome di una delle vittime del terremoto nelle Marche, hanno chiuso una giornata di preghiera e ricordo a Pescara del Tronto, la frazione di Arquata quasi rasa al suolo dal sisma. C’erano il sindaco Aleandro Petrucci, il vice sindaco Michele Franchi e del commissario per la ricostruzione Vasco Errani.

A quanto riportato dall’Ansa, una processione aperta da una croce fatta con pezzi di legno recuperati dalle macerie ha condotto un centinaio di persone fino al parco dove nelle prime ore dopo la scossa erano state deposte le salme delle vittime del sisma (quasi tutte di Pescara).

Sono stati lasciati dei fiori, poi il corteo si è spostato nel cimitero, dove due sacerdoti hanno celebrato una messa di suffragio. Alla fine il lancio dei palloncini sulle note della canzone di Eros Ramazzotti ‘Sta passando novembre’. Il 23 ottobre, a Pescara del Tronto ci sarà una messa a due mesi dal sisma, cui assisterà la presidente della Camera Laura Boldrini.

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 67 volte, 1 oggi)