ACQUASANTA TERME – ”Ringrazio il Presidente della Repubblica Mattarella: le sue parole sono quelle che si devono sentire da un Capo dello Stato. Si fa interprete ancora una volta dei valori profondi del Paese”. Così il sindaco di Acquasanta Terme, Sante Stangoni, dopo che Mattarella che ha definito il furto dei nuovi Pc dalla scuola media, l’unica agibile dopo il terremoto del 24 agosto, ”un’offesa all’Italia e un tentativo odioso di rubare il futuro ai ragazzi di quel Comune”.

Stangoni ringrazia anche Forze dell’Ordine, il commissario per la ricostruzione Vasco Errani, il capo della Protezione Civile Fabrizio Curcio, il ministro Stefania Giannini e tutti gli amministratori e i cittadini che “hanno fatto sentire la loro vicinanza ad una piccola realtà come la nostra, fatta di pochi abitanti. E naturalmente spero che gli autori di un gesto ‘tanto odioso vengano individuati al più presto”.

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 258 volte, 1 oggi)