ANCONA – Le segreterie di Cgil, Cisl e Uil delle Marche chiedono ”un cambio di passo” alla Regione, e ”maggiore incisività nelle iniziative per sostenere la ripresa economica e occupazionale, la salvaguardia della coesione sociale, la realizzazione delle riforme e investimenti infrastrutturali”.

“Le Marche – ricordano i sindacati – sono una delle regioni più colpite dalla crisi economica, e il terremoto del 24 agosto scorso ha ulteriormente complicato una situazione sociale già difficile”.

”Senza sottovalutare l’importanza di alcune scelte fatte dalla giunta – si legge in una nota diramata dall’Ansa -, Cgil, Cisl e Uil vogliono dare un impulso al confronto per superare i ritardi, le incoerenze e alcune decisioni discutibili che hanno caratterizzato questa fase”.

I sindacati annunciano azioni di sensibilizzazione sui temi del diritto allo studio, le politiche sociali e della salute, il trasporto pubblico locale, gli appalti, l’integrazione, le politiche di sviluppo e del lavoro.

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 56 volte, 1 oggi)