ASCOLI PICENO – “Cercare il futuro nel passato, perché l’arte e il design sono soprattutto rimescolamenti degli stili dei nostri progenitori; nel passato si ritrovano in sintesi i segni d’attualità”.

Era questo l’obiettivo del progetto di design e ricerca, ideato e organizzato da Poliarte di Ancona e dalla professoressa Donatella Fogante, docente dell’accademia dorica. Ha concluso il suo percorso dopo un anno di esposizioni itineranti di monete e gioielli, convegni e seminari promossi in collaborazione con la Regione Marche. A dicembre le realizzazioni arricchiranno una collezione di moda che verrà esposta a Shanghai. L’assessora alle Attività Produttive, Manuela Bora ha apprezzato il lavoro svolta dagli allievi, “una pregevole attività di artigianato artistico che ha unito competenze diverse sotto il filo conduttore del design ante litteram: quello ideato dagli antichi Piceni, precursori del moderno design industriale, che utilizzavano tecniche artigianali per creare oggetti di uso quotidiano”.

Il direttore di Poliarte, Giordano Pierlorenzi, in Regione per illustrare le conclusioni dell’iniziativa insieme alle studentesse Beatrice Bassetti e Martina Frattini (ideatrici dell’immagine coordinata del progetto), ha parlato di “un tuffo nel passato, alla riscoperta di quanto realizzato dai nostri progenitori, con sguardi sull’artigianato aulico dei latini, piceni e osco-umbri. Gli studenti di Poliarte hanno avuto la possibilità di recuperare dalla storia stimoli e motivazioni per dar vita a un nuovo design, partendo da una grande cultura che sentiamo ora lontana, sopraffatti dalla frenesia del quotidiano”.

Il primo evento si è tenuto a dicembre 2015, ad Ascoli Piceno, presso Palazzo dei Capitani, con il tema: “Dall’archeologia, l’architettura e il design”. Il secondo si è svolto giovedì 14 gennaio ad Ancona, con un convegno su “Design ante litteram in artigianato”. Il programma è proseguito con un intervento, a Pesaro, il 22 gennaio scorso con “Il design della città e il design di prodotto”. Gli altri tre eventi itineranti si sono tenuti a Macerata (12 febbraio), Fermo (26 febbraio) e Cagli (18 marzo).

In esposizione, in tutte le sedi, una collezione di monili di Donatella Fogante, docente di Poliarte, ispirata ai Piceni, costituita da accessori in argento che hanno ripercorso iconologia (interpretazioni di immagini e simboli) e mitologia dell’antico popolo.

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 54 volte, 1 oggi)