ASCOLI PICENO – Nella legge 107 veniva di fatto sancito il completo assorbimento in tre anni delle GAE. In 45 mila precari hanno deciso di non partecipare per motivi personali e familiari al piano assunzionale previsto dalla cosiddetta “Buona scuola”LG 107/2015, (che li avrebbe costretti ad accettare un loro trasferimento in una delle 100 Province in cui potevano essere collocati in ruolo), aspettando con pazienza e dignità quanto appunto normato: la conclusione delle varie fasi durante l’a.s. 2015/2016 e l’inizio delle assunzioni al 50% da GaE e al 50% da concorso 2016 a partire dall’a.s. 2016/2017.

Non c’è rimasto più alcun incarico per loro, dal momento che i neo-assunti insegnanti, attraverso il piano nazionale d’assunzione, avendo accettato appunto di lavorare in tutte le province, hanno coperto anche gli incarichi che sarebbero dovuti essere riservati agli appartenenti alla Gae.

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 254 volte, 1 oggi)