ASCOLI PICENO – Il 10 ottobre è avvenuta l’assemblea Ata. A tal proposito il Comitato tutela colline picene, Comitato tutela del Bretta  e Comitato ci RifiutiAmo hanno diramato una nota congiunta che riportiamo e pubblichiamo:

Dopo l’assemblea Ata del 10 ottobre, siamo sempre più convinti che l’ unica strada percorribile a beneficio del nostro territorio sia la strategia rifiuti zero. Un territorio così duramente provato dal punto di vista ambientale come molte volte abbiamo denunciato, sul quale gravano discariche ormai stracolme per le loro capacità, che necessitano di essere urgentemente bonificate prima che il danno ambientale in atto diventi irreparabile, con gravissime conseguenze per tutto il territorio provinciale. Oggi potremo dire che si tratta di un dramma annunciato, ma questo non risolverebbe lo stato attuale dei fatti.

Riteniamo necessario invece insistere sulla necessità di individuare nuove strategie che ci permettano di guardare al rifiuto come risorsa e che mettano in campo tutto ciò che è’ rappresentato dall’economia circolare per evitare di trovarci ancora una volta, in futuro, in situazioni analoghe a quella attuale. Auspichiamo un cambio di rotta, quindi, sulle questioni dei rifiuti seguendo esempi virtuosi vicini e lontani di cui si sta arricchendo pian piano tutto il territorio nazionale. Il problema che oggi ci troviamo a fronteggiare va oltre la situazione emergenziale e le diatribe giudiziarie e politiche, che sono invece diventate l ‘argomento principale delle assemblee sui rifiuti; la questione riguarda piuttosto un salto culturale ed una sensibilizzazione collettiva che permetta ai cittadini, da un lato, e alle istituzioni, dall’altro, di guardare il futuro dei rifiuti con uno approccio diverso e innovativo.

Crediamo che tutto ciò si possibile e per questo nei giorni del 28 e29 ottobre avremo la grande opportunità di ricevere nel nostro territorio Rossano Ercolini, un uomo che nel 2013 ha ricevuto il maggior riconoscimento mondiale sui temi della sostenibilità e dell’ambientalismo, autore del libro “Non bruciamo il futuro”. Rossano Ercolini torna a visitare i nostri luoghi per illustrare i 10 passi verso i rifiuti zero e le buone pratiche per l’attuazione dell’economia circolare, una proposta concreta ed applicabile alla nostra attuale realtà.

I punti essenziali della strategia di riduzione, oltre alla raccolta porta a porta, al compostaggio, al riuso e alla riparazione sono la responsabilità estesa del produttore per quei prodotti che non sono recuperabili, il concetto di rifiuto come fabbrica dei materiali e la riprogettazione industriale degli oggetti non riciclabili. In quella occasione coinvolgeremo le scuole e tutti gli insegnanti, che sono chiamati a partecipare alla strategia.

Crediamo che la formazione e l’informazione siano fondamentali per una corretta prevenzione e per il cambiamento, che non è più rinviabile. Solo con l’effettivo impegno di tutti, a partire dai più giovani, la nostra Provincia potrà raggiungere risultati eccellenti.

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 78 volte, 1 oggi)