ASCOLI PICENO – Il Decreto crea le condizioni per salvare i posti di lavoro a rischio nelle campagne terremotate che si contraddistinguono per un’elevata densità di aziende agricole che sono 9 ogni 100 abitanti, rispetto alla media nazionale di 2,7%.

E’ quanto afferma la Coldiretti Marche nel commentare i contenuti del Decreto legge approvato dal Consiglio dei Ministri che prevede un importante impegno a sostegno delle attività agricole e di allevamento. Il provvedimento prevede finanziamenti agevolati per la riparazione, ricostruzione e ripristino degli immobili ad uso produttivo, contributi per i danni alle scorte e ai macchinari di lavoro, l’accollo allo Stato del cofinanziamento regionale dei Piani di Sviluppo Rurale per i prossimi tre anni al fine di consentire il mantenimento e lo sviluppo dell’attività agricola nei territori colpiti, la sospensione dei contributi previdenziali e la sospensione dei termini di versamento tributari.

Secondo un’analisi Coldiretti su dati Istat nella zona marchigiana interessata dalle scosse il 40 per cento del territorio è occupato da superficie agricola. Tre ettari su quattro sono destinati a prati e pascoli, a conferma del deciso orientamento verso le attività di allevamento. Le mucche presenti sono quasi 800, assieme a 200 maiali e 11.300 pecore. Sono, invece, 21 gli agriturismi che operano in quelle aree e che hanno patito i disagi diretti e indiretti del terremoto, dalla fuga dei clienti, con prenotazioni disdette, alle difficoltà di carattere infrastrutturale.

Il terremoto ha colpito un territorio a prevalente economia agricola con una significativa presenza di allevamenti di pecore e bovini che occorre ora sostenere concretamente per non rassegnarsi all’abbandono e allo spopolamento, conclude Coldiretti. Da qui la necessità che la ricostruzione vada di pari passo con la ripresa dell’economia che in queste zone significa soprattutto cibo e turismo.

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 84 volte, 1 oggi)