ASCOLI PICENO – Un raduno spontaneo lungo l’Antica Via Salaria. Una strada silenziosa, diventata il 23 ottobre il teatro di quegli eventi terribili. #Noiconvoi Pedalare per loro e con loro. Per ricostruire quelle strade, affinché sulle stesse possano tornare le biciclette, ma soprattutto la speranza.

La Route 66 attraverso province diverse, strada maestra di un mondo fermo alle sue tradizioni e così saldamente ancorato alle sue radici da guardare il viaggiatore sempre con una punta di sorniona ironia. Una collana di paesini e casette che il viaggiatore moderno ignorava, fino a a scoprirne il dolore e la distruzione.

“Prendere la bici e fare rotta verso Ascoli, passare davanti ad Amatrice e Accumoli, poi Pescara del Tronto e Arquata è stato il modo migliore per ripensare a quest’area com’era e come ci piacerebbe torni ad essere” affermano dall’amministrazione comunale di Ascoli.

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 121 volte, 1 oggi)